martedì 6 novembre 2012

Mini quiches facili e saporite


Ripresami dalle fatiche culinarie sono pronta a farvi il resoconto della mia cenetta tra amici dello scorso 2 novembre.
A detta dei miei ospiti era tutto buono e io sono ancora qui a darmi pizzicotti per capire se è tutto vero, ho cucinato tutto io, e ho anche apportato delle modifiche a qualche ricetta, non ci posso credere!
Fortuna che mio marito non c’era, altrimenti scopriva che quando mi ci metto so anche cucinare e poi mi toccava farlo tutti i giorni. Cucinare ok, ma solo una volta ogni tanto.

Ispirata dalla stagione e dalla zucca-mania di questi giorni proprio la zucca è stato il tema principale del menù
Ora, portata per portata, vi racconto come è andata.
Antipasto/aperitivo:
Mini quiches Brie, ciliegini e alici
La ricetta prevedeva:
un rotolo di pastasfoglia
200 g. formaggio Brie
20 pomodorini

1° tentativo – 10 giorni prima (che pensavate che mi buttassi così, senza fare prove?!)
Ho steso il rotolo in una teglia, ho foderato il fondo di Brie tagliato a fette sottili e sopra vi ho adagiato i pomodori ciliegino tagliati a metà e ho infornato secondo le istruzioni del ricettario. Più facile di così…
Macché: l’impasto non è cresciuto durante la cottura e i pomodorini avevano perso troppa acqua, il sapore era buono ma era troppo bagnata sul fondo, non si riusciva a tenere la fetta di torta in mano, mentre io immaginavo questa quiche come aperitivo da mangiare tenendola in mano.

2° tentativo – la domenica precedente (cavie prescelte: i miei fratelli e i miei genitori)
Guardando i vari stampi che ho in dispensa mi viene l’idea geniale: perché non ripetere l’esperimento facendo delle monoporzioni?
Seguo il suggerimento di PapiTuttoFare e svuoto i pomodorini prima di adagiarli sul formaggio, ne sistemo tre per ogni mini quiche.
Risultato: va già meglio ma forse dovevano cuocere di più… ma non mi arrendo.

La sera della cena decido di eliminare i pomodorini di troppo lasciandone solo uno e aggiungo una piccola alice a fargli compagnia, poi avviene il miracolo: si cuociono come avrebbero dovuto fin dalla prima volta!!!
E questo è il risultato

Buon aperitivo a tutti!

Vino scelto per accompagnarle: Müller Thurgau

12 commenti:

  1. ma che fai?!?!?!?!
    mi metti ricettine facili e deliziose proprio ora che mi sono messa a dieta!!!!
    *_* uffa *_*
    ma giuro che la metto nel cassetto e in tempi più "magri" la tirerò fuori!!!
    brava
    un abbraccio
    CRI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se ne mangi solo una non ti farà ingrassare!

      Elimina
  2. Risposte
    1. In frigo ho ancora del Brie, oggi ho ricomprato la pasta sfoglia e presto le rifarò, così ne assaggerà anche PapiTuttoFare

      Elimina
  3. Ma che delizia!Devo farle anch'io!!
    Aspetto le altre portate....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo è stato molto più impegnativo ma ne è valsa la pena.
      vedrai!

      Elimina
  4. mi hai fatto venire l'acquolina in bocca anche se ho appena cenato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e pensare che è una ricetta che ho scoperto per caso. Non pensavo fosse così facile realizzare delle quiches.
      Baci

      Elimina
  5. sbav sbav!
    ultimamente mangerei il brie anche nel caffelatte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho scoperto grazie a questa ricetta. Lo temevo per la "buccia" bianca e, invece, devo confessare che è buono!

      Elimina
  6. A leggerne ci si sente un po' come un pomodorino adagiato sul formaggio. Ma... nooo, che fate!? Nooo, non mangiate anche me! Sono una bollicina, non un vero pomodorino: stavo solo sognando ad occhi aperti. O non è permesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, sei solo una bollicina, nessuno ti mangerà!
      Quanto ai sogni ad occhi aperti... io ne faccio di continuo e poi, almeno per i sogni, non è necessario alcun permesso.

      Elimina